Search

La fiorentina della trattoria “Al Galo”

Dopo una giornata al lago, tra sole, vento e una lunga camminata pomeridiana conclusa a spritz, birra e mini tartine di contorno, io e il mio ragazzo abbiamo deciso di regalarci una cena con i fiocchi.

Famelici, come due che non vedevano cibo da mesi,  abbiamo seguito il consiglio di un amico e siamo andati alla trattoria “Al Galo” di Pieve di Colognola ai Colli, via Cavour 9 (Verona).

Lì ho scoperto una carne eccezionale, ma non solo.

Non appena arrivati ci hanno accolto tre donne. Di uomini nessuna traccia.

Una di loro, probabilmente il capo a giudicare dalla sicurezza e dalla professionalità con la quale si muoveva, ci ha accompagnato al tavolo e, una volta accomodati, ci ha elencato i piatti della casa, dagli antipasti fino ai secondi.

L’imbarazzo della scelta è stato inevitabile.

Per l’antipasto abbiamo poi deciso di buttarci sul crudo di Parma con mostarda di pere fatta in casa. Anche se non amo la mostarda ho voluto fare una prova e ho fatto bene, era delicata e sfiziosa. Il mio consiglio: prendere il pezzetto di pera e avvolgerlo con il prosciutto. La combinazione vi stupirà!

AlGalo

Per chi ama i primi, i ravioli con ripieno di Monte Veronese conditi con un pizzico di mascarpone e colorati con listarelle di zucchine, fiori di zucca e asparagi, sono un piacere per gli occhi e per il palato. Il fatto che ci sia il mascarpone e che in più il ripieno sia fatto di formaggio non deve far pensare che il piatto fosse pesante, anzi.

AlGalo2E ora il punto forte della trattoria, la fiorentina.

Servita con osso,ovviamente, ma già tagliata (su nostra richiesta), è stata posta sul tavolo come se fosse stata l’ospite d’onore. E di fatto lo era.

L’aspetto invitante non era niente in confronto al gusto. Morbida e saporita al punto giusto (non ho aggiunto nessun condimento) è stata divorata in tempo record. Come contorno abbiamo preso patate al forno (che consiglio molto caldamente) e verdura cotta.

AlGalo3

Il dolce da provare assolutamente, su consiglio sia della proprietaria sia di Foursquare, è il tiramisù. La crema, molto densa e compatta, si insinuava perfettamente tra una fila di 4 savoiardi morbidi. Nonostante fossi davvero sazia me lo sono gustato. Un mattoncino da non lasciarsi scappare.

AlGalo4Abbiamo pasteggiato con un Valpolicella Superiore doc CAMPO PROGNARE dal colore rosso rubino brillante. Portando il bicchiere al naso sono stata invasa immediatamente da un profumo buonissimo di frutti rossi di sottobosco. Il primo sorso ha confermato quello che il mio naso aveva intuito.

Preferisco i bianchi, ma certi piatti richiamano in automatico determinati tipi di vini. In questo caso, infatti, il rosso era più che azzeccato.

AlGalo5

Oltre al cibo e al vino, i lati positivi di “Al Galo” sono stati la rapidità nel servirci,  la preparazione e la cordialità delle ragazze. L’unica nota dolente è che non accettano bancomat e carta di credito. Questo, per chi come me viaggia spesso con pochi contanti, potrebbe rapprentare un piccolo fastidio.

Nel complesso mi è piaciuto davvero tanto.

Ci tornerò, sicuro!





Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *